Consigliere comunale a processo: accusato di minacce al figlio di un candidato sindaco

A sinistra Giovanni Iurlaro, a destra Luigi Galiano

Il consigliere comunale Luigi Galiano, capogruppo di Francavilla popolare – Insieme – Lega, è stato citato direttamente a giudizio con l’accusa di minaccia nei confronti di Giovanni Iurlaro – figlio dell’ex senatore, consigliere regionale e candidato sindaco Pietro – che lo querelò.I fatti risalgono al 22 aprile 2018 quando, in piena campagna elettorale, stando alla versione del querelante, in via San Francesco, Galiano si sarebbe rivolto a Iurlaro (assistito dall’avvocato Vincenzo Taurisano) in questi termini: “Educazione, educazione, educazione. Le avrai tutte in una volta, che se tu credi di essere pazzo, io sono più pazzo di te. Ringrazia solo che sto con dei bambini”. La prima udienza con imputato Galiano sarà celebrata a febbraio 2020 dinanzi al Giudice di Pace di Brindisi.

All’epoca, Iurlaro sosteneva suo padre – candidato sindaco a capo di tre liste civiche – mentre Galiano Maurizio Bruno (nessuno dei due, alla fine, riuscì a spuntare l’elezione a primo cittadino).

Iurlaro, intanto, incassa questa citazione diretta a giudizio commentando così: «Le bugie hanno notoriamente le gambe corte».

Galiano, che sarà difeso dall’avvocato Giancarlo Camassa, invece, parla di “un racconto di fantasia allo stato puro, nulla di ciò che mi viene contestato risponde al vero e lo dimostrerò”.

Secondo Galiano, i fatti si sarebbero svolti diversamente: dopo essere stato invitato da Iurlaro a rispondere al saluto, gli si sarebbe avvicinato per dirgli semplicemente che non aveva piacere a farlo.

Versioni contrastanti e, anzi, opposte, che saranno valutate, anche attraverso il racconto dei testimoni, a processo.

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter