La presidente della commissione: «Non accetto lezioni politiche e di stile da questa maggioranza»

La consigliera Anna Ferreri

Si riceve e pubblica:Voglio rassicurare i consiglieri componenti della commissione Sport riguardo la piena competenza della stessa in tema di chiarimenti sulle tariffe per l’utilizzo del Palazzetto dello Sport.

È bene rammentare che l’Amministrazione si appresta ad inaugurare tale struttura e non si è ancora preoccupata di stilare un regolamento per il suo utilizzo, con relative tariffe per le associazioni sportive.

Sicuramente la Commissione bilancio deve fare la sua parte, ma ciò non esclude o preclude l’attività della Commissione Sport. La prima sicuramente ha la competenza di stralciare le somme necessarie, ma la seconda, che mi onoro di presiedere, ha il diritto ed il dovere di fare in modo che il Palazzetto non sia ad esclusivo utilizzo solo di alcuni sport, ma di tutte le discipline praticate.

Per questo motivo è necessario quantificare e qualificare le tariffe al fine di rendere chiaro il quadro della situazione a tutte le società ed alla città sui soggetti che potranno usufruire della struttura. Questo è stato il motivo della convocazione della Commissione.

Per quanto riguarda l’accusa sulla condotta non imparziale nella mia funzione di Presidente, rispedisco ai mittenti tali rilievi, posto che ancora una volta hanno azzerato le proprie prerogative istituzionali, piegando la testa per non disturbare l’Amministrazione, persino di fronte alla possibilità di fornire elementi di miglioramento per il bene della comunità.

Non accetto lezioni da parte di una maggioranza che, in fatto di correttezza istituzionale all’interno del consiglio comunale, non solo delle commissioni, ha tanto da imparare. Per quanto riguarda l’assenza in commissione da parte della maggioranza, a questo punto non ho ben compreso se i componenti erano assenti per motivi personali, come riferitomi, o perché la partecipazione è stata considerata inutile come invece sostenuto nella nota, preferendo un silenzioso Aventino?

Sul punto rinvio al verbale della seduta, atteso che i sottoscrittori della nota si sono attenuti alle loro letture di Facebook.

Mi fa un po’ specie sentire che ci si preoccupa, facendo allegramente demagogia, di risparmiare un gettone di presenza (soldi pubblici) per commissioni e consigli comunali, sedi in cui si dovrebbero discutere democraticamente le sorti della nostra città, ma non si ha la stessa preoccupazione quando si spendono fior di quattrini, con scarso ritorno, per la festa patronale e festicciole varie, sempre con soldi pubblici e senza una reale programmazione condivisa con la città.

La realtà purtroppo è che per questa maggioranza sono inutili sia le commissioni che le sedute di consiglio comunale, essendo ormai chiaro che l’obiettivo primario (sempre democraticamente parlando) è quello di prendere le decisioni senza tener conto dal resto dei componenti del consiglio comunale eletti dai cittadini.

Voglio ringraziare tutti i componenti di maggioranza della commissione da me presieduta, per avermi accusata, bontà loro, di non avere un contegno sobrio.

Sicuramente rispetto il mio ruolo istituzionale molto meglio di tanti altri. Rivendico fieramente le prerogative e le funzioni di consigliera comunale affidatemi per volontà popolare, senza guinzagli e sordine che strozzano la discussione su temi di interesse generale.

Anna Ferreri, presidente Commissione consiliare Sport

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter