Le maestre della primaria scrivono ad alunni e genitori: «Restiamo in contatto e studiamo anche se a distanza, andrà tutto bene»

Di seguito una lettera di alcune insegnanti della scuola primaria (Francavilla Fontana) indirizzata ai loro alunni e, ovviamente, anche ai genitori:

Cari bambini,

voi siete ancora piccini, per comprendere che la vita, molto spesso, ci riserva dei colpi di scena: Talvolta, belli, gioiosi, positivi. Talvolta tristi, negativi. Ma cosa sono questi “colpi di scena?”. I colpi di scena sono delle cose che noi non ci saremmo mai aspettate, degli avvenimenti improvvisi, che ci sorprendono, che nessuno di noi immagina. Bene, bambini, quello che ora ci tiene lontani, è proprio un “colpo di scena”! Uno di quelli brutti e cattivi!

Noi maestre non eravamo pronte a dialogare con voi in questa maniera, così triste, così distante, attraverso un semplice audio whatsapp. Noi maestre non eravamo pronte a guardare i vostri sorrisi spensierati solo attraverso alcune fotografie. Noi maestre non eravamo pronte a fare delle video lezioni piatte, senza il contatto diretto con i nostri amati alunni, esperti ormai nell’interrompere continuamente le spiegazioni, per chiedere di andare in bagno o di soffiare il naso.

Così, noi ci stiamo ritrovando a studiare di nuovo, ci stiamo reinventando, per cercare di trovare il modo più diretto e più semplice, per arrivare a voi, utilizzando dei mezzi di comunicazione nuovi, differenti e, chissà, forse alla fine diventeremo delle famose “YouTubers”, proprio come quelli di “ME CONTRO TE”!

Nessuna parola può descrivere l’immenso amore che proviamo per voi! Ed è proprio per questo che vi promettiamo che noi maestre terremo duro, fino a quando non torneremo a fare ciò che ci riesce meglio: entrare nelle nostre classi, ogni mattina, ed accogliere, con dolcezza e con cura, tutti voi, proprio come il primo giorno di scuola! Voi, però, dovete promettere che a casa svolgerete tutti i compiti assegnati, perché sappiate che l’impegno e la costanza vi premieranno sempre. Affrontate, quindi, l’esercizio a distanza con la carica giusta, dimostrando forza, bravura e senso di responsabilità!

In questi giorni, sentiamo tanto vicina la parolina “speranza”; la ascoltiamo dentro i nostri cuori, ed anche nei cuori delle persone che ci vogliono bene. Ed è così che vorremmo vedervi sempre: speranzosi di vivere, di combattere, di essere pienamente felici!

Vorremmo ora salutarvi con alcune commoventi parole del nostro caro Papa Francesco:

“Stasera, prima di addormentarvi, pensate a quando torneremo in strada. A quando ci abbracceremo di nuovo, a quando fare la spesa, tutti insieme, ci sembrerà una festa. Pensiamo a quando torneranno i caffè ai bar, le chiacchiere, le foto, stretti uno all’altro. Pensiamo a quando sarà tutto un ricordo, ma la normalità ci sembrerà un regalo inaspettato e bellissimo. Ameremo tutto quello che fino ad oggi ci è sembrato inutile. Ogni secondo sarà prezioso. Le nuotate al mare, il sole fino a tardi, i tramonti, i brindisi, le risate. Torneremo a ridere insieme. Forza e coraggio. Ci vediamo presto!”.

Anche noi siamo sicure che torneremo ad abbracciarci molto presto, adorati bambini! Intanto, ora ricordate solamente che:

“ANDRÀ TUTTO BENE!”

Vi mandiamo un forte abbraccio virtuale!!!

Con affetto,

Le vostre insegnanti della scuola primaria

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter