#unsorrisoperlitalia: il filtro facebook ideato dal fotografo infonde speranza. Ed è già un piccolo tormentone


Ha appena ottenuto l’approvazione di facebook, ma è già un piccolo tormentone il “filtro” per facebook (nient’altro che una mascherina per le proprie foto) ideato e programmato dal fotografo Sandro Dell’Aquila, da sempre appassionato di tecnologia e al passo coi tempi.Ma di cosa si tratta? È presto spiegato: del simbolo di questa “quarantena” – l’arcobaleno – affiancato da una nube e da un cuore (per l’Italia), che possono comparire sulle immagini profilo e nelle stesse storie [vedi foto allegate al post].Come si fa? Anche questa cosa è semplice: basta aprire la fotocamera di facebook, andare su “filtri” e selezionare tra quelli disponibili: Tutti Insieme #unsorrisoperlitalia #andràtuttobene. Un’operazione che presto sarà possibile anche su Instagram.

Il “filtro di Dell’Aquila è stato approvato ufficialmente da facebook, quindi è presente in automatico su tutti i dispositivi connessi al mondo.

Qual è l’obiettivo di questa “campagna”?

Lo spiega il suo stesso promotore:

«Da tempo, grazie alle opportunità che il Web e i social network offrono a noi professionisti della fotografia, sto cercando di ampliare i miei tradizionali orizzonti, di evolvermi, e così ho fatto anche in quest’occasione, da cui – è bene specificarlo – non otterrò alcun profitto.

L’intento è quello di infondere speranza e incoraggiamento, anche per dire che con l’impegno di tutti, se tutti rispettiamo le normative e restiamo a casa, tutti torneremo quanto prima alle nostre normali attività di prima e torneremo a lavorare e a guadagnare.

Io, per il momento, mi sto dedicando allo studio di nuove soluzioni, così da poter offrire in futuro, spero quanto prima, prodotti innovativi ai mie clienti, siano essi privati, aziende o enti».

Cos’aspettate ancora?

Fotocamera di facebook —> modalità selfie—> filtri —> Tutti Insieme #unsorrisoperlitalia #andràtuttobene

 

In questo particolare momento storico, difficile per ciascuno di noi, Lo Strillone News e la sua editrice C.I.M. Edit Srls sono impegnati in una difficile battaglia per la sopravvivenza – considerate le difficoltà delle aziende e, di conseguenza, del comparto pubblicitario -.

Lo Strillone News non ha mai percepito contributi pubblici, ma è sempre andato avanti unicamente contando sulle proprie forze. Cosa che cercherà di continuare a fare, nonostante in appena un mese le cose siano quasi radicalmente mutate rispetto a prima. Offriremo ancora informazione di prima mano, verificata, gratuita, a portata di tutti.

Chi vuole e può doni; chi non può, continui a leggere gratuitamente. 

Grazie ugualmente per il grande seguito che quotidianamente, qui e sui nostri canali social, ci tributate. 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter