Chirurgia e Ortopedia dell’ospedale di Ostuni si rifanno il look. Reparti temporaneamente spostati al “Camberlingo”

L’ingresso dell’ospedale di Ostuni

Proseguono nell’ospedale di Ostuni i lavori per l’ammodernamento del reparto di Chirurgia Generale. Subito dopo inizierà la ristrutturazione in quello di Ortopedia. “La chiusura è solo temporanea – spiega il direttore generale della Asl di Brindisi, Giuseppe Pasqualone – e abbiamo potuto farlo perché in questa fase le attività in elezione sono sospese. Gli interventi in urgenza sono stati concentrati nell’ospedale di Francavilla Fontana che ha un’ottima équipe chirurgica”.

“Il restyling di Chirurgia – spiega l’ingegner Renato Ammirabile, direttore tecnico dell’ospedale di Ostuni – durerà un mese e mezzo circa. Stiamo ristrutturando sette stanze di degenza per sedici posti complessivi, i bagni, la medicheria e gli spogliatoi.  Abbiamo sostituito le porte in legno con quelle in alluminio, adeguato gli impianti tecnologici e cambiato le luci con plafoniere a led. Stanze e corridoi avranno pavimentazioni e rivestimenti in pvc e corrimano in plastica. Per le pitturazioni abbiamo scelto tutti i colori in base alle indicazioni della cromoterapia”.

Lo stesso tipo di restyling sarà effettuato anche per il reparto di Ortopedia con le sue otto stanze per un totale di diciassette posti letto. I lavori inizieranno subito dopo il completamento del reparto di Chirurgia e avranno una durata di circa sessanta giorni.

UFFICIO STAMPA ASL BR

In questo particolare momento storico, difficile per ciascuno di noi, Lo Strillone News e la sua editrice C.I.M. Edit Srls sono impegnati in un’altrettanto strenua battaglia per la sopravvivenza – considerate le difficoltà delle aziende e, di conseguenza, del comparto pubblicitario -.

Lo Strillone News non ha mai percepito contributi pubblici, ma è sempre andato avanti unicamente contando sulle proprie forze e sulle capacità delle donne e degli uomini che ne fanno parte. Cosa che cercherà di continuare a fare, nonostante ora tutto sia quasi radicalmente mutato rispetto a prima. Offriremo ancora informazione di prima mano, verificata, gratuita, a portata di tutti. Senza trascurare segnalazioni per dar voce ai cittadini e curiosità. 

Chi vuole e può doni; chi non può, continui a leggere gratuitamente. 

Grazie comunque per il grande seguito che quotidianamente, qui e sui nostri canali social, ci tributate. 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter