Addio a Vito Leone, storico priore dell’Arciconfraternita dell’Orazione e Morte

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Vito Leone impegnato nella vestizione dell’Addolorata

Si è spento nella giornata di ieri (domenica 17 ottobre) “mestru Vituccio Leone”, storico priore della “Reale Arciconfraternita dell’Orazione e Morte” di Francavilla Fontana. Il sodalizio, per intendersi, che durante la Settimana Santa è nel cuore dei celeberrimi e sentitissimi Riti della Città degli Imperiali.

Uomo integerrimo, solare, lo zio di tutti i bambini… Chi può dire di non averlo conosciuto in età infantile e di non aver ricevuto da lui tutte le coccole tipiche di un padre? Per anni ha cucito abiti sulle persone, Dio ha cucito su di lui l’abito di Suo servitore…

“Il priore della Morte” – così era anche noto – ha guidato i confratelli per tantissimi anni, con fede, abnegazione e non comuni doti organizzative. Si ricordino, tanto per rendere l’idea, le aste per l’aggiudicazione delle statue dei Misteri, durante le quali ricopriva il ruolo di banditore con piglio, rigore e determinazione. In qualche occasione Lo Strillone si è spinto fin dentro la sagrestia della chiesa di Santa Chiara proprio per documentare quel rito che precede i Riti, ossia l’asta di assegnazione dei simulacri della Passione.

I funerali si terranno oggi (lunedì 18 ottobre) alle 16:30 presso la sua casa… la chiesa della Morte.

Ecco che riproponiamo nel filmato qui sotto, datato 17 aprile 2014, il modus operandi inflessibile di Vituccio Leone, persona mite, umile, generosa anche e soprattutto al di là della sua carica in seno all’Arciconfraternita.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter