SOS Poste italiane: lunghe file, carenza di personale e liquidità. Cgil annuncia battaglia

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lunghe file d’attesa, ore interminabili sotto l’acqua o il sole e poi sentirsi dire : “Andate a casa, non ci sono soldi per le pensioni”, o quando ti va bene “tornate domani, oggi vi paghiamo mezza pensione”.

Fai il giro dei banco-posta e sono tutti vuoti pure quelli, non ci sono soldi.

Manca il personale: tutte le postazioni non sono mai occupate, il personale che c’è è massacrato dal lavoro. Lo stress si legge nei loro volti, perché, molte volte, debbono subire le proteste dei cittadini.

-La CGIL, con i pensionati, nei giorni scorsi, così come nel passato, ha avuto un incontro con il direttore delle poste, che ringraziamo per la sua gentilezza e disponibilità, per denunciare tali disservizi.

Addirittura in via san Francesco non c’è nemmeno la macchinetta per i numeri di prenotazione e si formano sempre assembramenti.

-Il direttore ha cercato di giustificare la situazione, ma ci rendiamo conto che se non gli danno il personale ed i soldi per poter pagare gli utenti, non può fare nulla. Il Covid e le festività certamente hanno peggiorato i servizi, però se ti manca il personale non puoi pensare ad aperture pomeridiane anche per le succursali.

-Il caos delle Poste non è un problema solo di Francavilla Fontana, ma di tutta la provincia, regionale e nazionale

PERCHE’

Le Poste sono quotate in borsa e debbono solo guadagnare, fare soldi per pagare ricchi dividendi ai propri azionisti e stipendi da nababbi ai propri manager e megadirettori.

-Infatti, costoro hanno la sfrontatezza, già da alcuni anni, di dichiarare in TV i bilanci positivi ma le politiche attive del lavoro perseguite dall’attuale dirigenza di Poste Italiane presentano aspetti controversi: i numeri del personale in forza sono numeri inadeguati a supplire all’entità della carenza di personale e alla conseguente organizzazione disfunzionale del lavoro, sfruttando i lavoratori come i licenziamenti dei 425 somministrati e tormentando i cittadini! Sono Veramente BRAVI!!

-Tale andazzo non può continuare, la CGIL porterà questa denuncia in tutte le sedi istituzionali e politiche.

-BASTA. E’ UNA VERGOGNA!

 Francavilla Fontana 05/01/2022

Dino Ligorio, Segretario Lega SPI-CGIL

Giovanna Tomaselli, Coordinatrice CGIL Francavilla

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter