Offre soldi a un infermiere in cambio del certificato vaccinale, ma si becca una denuncia per tentata corruzione

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Si è presentato all’hub vaccinale ma… per far finta di vaccinarsi o per conseguire un’esenzione certificata. Infatti, una volta all’interno avrebbe offerto dei soldi ia un infermiere in cambio del certificato. L’operatore sanitario si è però rifiutato e, anzi, ha raccontato l’accaduto ai carabinieri.

Il presunto tentativo di corruzione – reso noto dal consigliere regionale Fabiano Amati – si sarebbe verificato nei giorni scorsi presso il centro per le somministrazioni Conforama di Fasano.

“Questa notizia – commenta Amati – è da considerarsi esemplare sia per il rigore del personale sanitario che per far desistere chiunque avesse in animo di produrre simili iniziative. La vaccinazione è un trattamento sanitario a valore collettivo, cioè un dovere di tutti i cittadini, per cui nessuno può pensare di poter danneggiare gli altri sulla base di una decisione infondata e frequentare tranquillamente tutti i luoghi entrando in contatto con chi ha fatto il proprio dovere”.

“Ringrazio l’infermiere – conclude Amati – che ha subito il tentativo di corruzione per aver opposto fermezza e alta qualità professionale e civica, e ringrazio i responsabili del Centro vaccinale, nella specie la dottoressa Antonella De Simone, che senza esitazioni e paternalismo hanno deciso di denunciare l’accaduto all’autorità giudiziaria”.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter