Giornata della Memoria: in tre scuole superiori “Perfidi Giudei: l’odio per gli ebrei dall’antichità alla soluzione finale”

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Il prof Giuseppe Patisso, ordinario di Storia moderna all’Università del Salento

“Perfidi Giudei – L’odio per gli ebrei dall’antichità alla soluzione finale”.

Questo il titolo dei seminari che il prof. Giuseppe Patisso, ordinario di Storia Moderna presso l’Università del Salento, sta portando nelle scuole anche quest’anno in occasione della Giornata della Memoria.

La data del 27 gennaio è stata stabilita dall’ONU in ricordo dello sterminio del popolo ebraico, perché in questa data l’esercito sovietico varcò i cancelli del campo di Auschwitz, il più grande dei campi di concentramento costruito dai nazisti nel corso della Seconda Guerra Mondiale.

La scoperta di Auschwitz fu agghiacciante per l’intero mondo, che potè purtroppo potè conoscere orrori inenarrabili, e costrinse ad assumersi le proprie responsabilità tutti coloro che, pur avendo saputo, avevano ugualmente taciuto.

Educare al rispetto delle differenze contro ogni forma di violenza e discriminazione e soprattutto capire, come nel caso degli ebrei, dove affonda le sue radici “l’odio più lungo” (come è stato definito) nei confronti di un popolo discriminato nei secoli.

La Giornata della Memoria, dunque, ha un duplice compito: quello di ricordare, per far sì che nessuno dimentichi l’orrore dell’Olocausto, e quello di tramandare, di raccontare la Shoah alle future generazioni e assicurarsi che non accada mai più niente del genere.

Il Prof. Patisso terrà seminari sul tema sopra indicato, nel rigoroso rispetto di tutte le regole previste dalle normative anti-Covid, presso il liceo delle Scienze Umane “Francesco Ribezzo”, sede di Latiano, in data 27 gennaio; presso l’I.I.S.S. “Del Prete Falcone” di Sava in data 28 gennaio; presso liceo classico-scientifico “Vincenzo Lilla” di Francavilla-Oria il 31 gennaio.

Un approccio diverso alla materia, quello scelto dal docente universitario, che non si limita a ripercorrere la tragedia della Shoah ma parte da molto più lontano, nel tentativo di tratteggiare le origini del male nella storia e non solo durante il funesto periodo nazifascista, un’epoca funesta che neppure sarebbe dovuta esistere e che però è durata anche troppo a lungo.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter