“Disarmiamoci e partiamo per una nuova Tienanmen, ogni altra iniziativa è inutile: coraggio e presenza per Kiev e l’Ucraina”

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

 

Piazza Tienanmen 

di Gino Capone

Gli eroi nella foto sono due: il ragazzo che rischiò la vita piazzandosi davanti al nemico cingolato e il soldato che si rifiutò di passare sul corpo di un suo simile. 

La mobilitazione in atto per l’Ucraina è encomiabile, ma invio di armi e viveri, sanzioni, marce, fiaccolate, accoglienza profughi, suono di campane e luci spente, lasciano il tempo che trovano. 

Se vogliamo davvero porre fine al massacro, organizziamo treni, pullman e auto e andiamo in carne ed ossa a fermare i carri armati di Putin come fece il Rivoluzionario Sconosciuto a Tienanmen. 

SIAMO PRONTI A FARLO? 

Lo dico ai Ministri degli Esteri europei, lo dico a Ursula von der Leyen, Presidente della  Commissione Europea, lo dico a Berlusconi, amico intimo ed estimatore di Putin, lo dico ad Abramovič, uno degli uomini più ricchi al mondo (“non vendere la squadra ma prendila con te e schierati con noi davanti ai carrarmati russi”), lo dico agli influencer e al loro seguito, lo dico ai cantanti che fanno i pienoni nei concerti moscoviti e lo dico anche alla gente comune come me, a parenti, amici, concittadini e connazionali. 

Facciamo cortei su cortei per difendere legittimamente diritti di categoria, facciamone uno unitario per assicurare a una nazione europea il diritto di esistere. 

PRENDIAMOCI PER MANO E ANDIAMO A FARE UN CORDONE UMANITARIO INTORNO A KIEV PER IMPEDIRE ALLA STORIA EUROPEA DI MACCHIARSI DI UN CRIMINE IMPERDONABILE. 

Gino Capone

Rispondiamo con i fatti a Edward O. Wilson, fondatore della sociobiologia e vincitore di due Pulitzer, che nel suo saggio, intitolato “Il Significato dell’Esistenza Umana”, si chiede se siamo intrinsecamente buoni ma passibili di essere corrotti dalle forze del male, o è vero il contrario , e siamo inclini per natura al peccato ma redimibili dalle forze del bene? Siamo fatti per dedicare la nostra vita ad un gruppo, anche a rischio di morire o, al contrario, per collocare noi stessi e la nostra famiglia al di sopra di tutto? 

CONDIVIDIAMO IL PIU’ POSSIBILE 

IO SONO UNO SCRITTORE E HO LANCIATO IL SASSO, MA CI VUOLE UNA REGIA, UN ENTE, UN MINISTERO, UN’ASSOCIAZIONE CHE LO RACCOLGA E LO METTA IN ATTO, ALTRIMENTI NON NE USCIAMO. 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter