Imprese in difficoltà, lavori pubblici a rilento o rinunciati: troppo care le materie prime

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Il sindaco di Francavilla Fontana, Antonello Denuzzo, prova a spiegare la fase di stallo dei lavori pubblici:

“Le imprese che devono occuparsi del rifacimento delle strade di Francavilla Fontana ci assicurano che nei prossimi giorni gli operai saranno finalmente all’opera.

Potrei raccontarvi che abbiamo fatto da molto tempo tutte le cose che competono al Comune – trovare le risorse, svolgere le gare – e che abbiamo dovuto subire il ritardo provocato dall’aumento improvviso del costo delle materie prime e addirittura dalla chiusura per settimane degli stabilimenti che producono il bitume.

Ma io sono il Sindaco, per i cittadini la responsabilità di quello che accade in Città è comunque mia, e poi ho “spalle larghe” che mi consentono di reggere l’impatto con i giudizi severi, gli insulti, le offese e pure le jasteme. Se però vi interessa sapere come va il mondo, potete dare un’occhiata alla nota che l’Associazione Nazionale dei Costruttori Edili (ANCE) ha inviato anche a me chiedendo “un incontro urgente per discutere della gravissima situazione legata all’aumento dei costi delle materie prime che sta paralizzando l’intero settore dei lavori pubblici”. Appunto.

Per comprendere quale sia la dimensione dei problemi che stiamo affrontando dovete considerare che ci sono imprese che rinunciano ai lavori pubblici che si sono aggiudicate, perchè quell’aumento del costo delle materie prime ha azzerato i profitti immaginati”.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter