Cresima e prima comunione con imprevisto: parenti si azzuffano al ristorante. In tre a processo per rissa aggravata

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Un’occasione di festa si è tramutata ben presto in un’occasione di rissa. Tre persone, due di San Vito dei Normanni e una di Oria, sono finite a processo per rissa aggravata dopo essersi “confrontate” animatamente nel corso di un pranzo che avrebbe dovuto essere conviviale, celebrativo e nulla più. 

I fatti si sono verificati domenica scorsa, 8 maggio, in un noto ristorante-sala ricevimenti di San Vito dei Normanni. Qui c’erano due distinte tavolate per festeggiare Cresima e Prima Comunione. Alla prima erano presenti oritani, alla secondo sanvitesi. 

Non si sa come, non si sa quando, non si sa soprattutto perché, alla fine si è innescata una baraonda con 20 persone coinvolte tra le due tavolate. 

Qualcuno ha chiamato i carabinieri e alcuni tra i più facinorosi non si sono fermati neppure al cospetto delle divise. 

Infatti, due sanvitesi e un oritano sono stati denunciati per rissa aggravata. Si tratta di A.D.I., sanvitese 32enne, di G.N., sanvitese di 53anni e di A.P., oritano 30enne.

I sanvitesi, difesi dall’avvocato Andrea D’Agostino, sono stati arrestati e sottoposti all’obbligo di dimora, mentre l’oritano, difeso dall’avvocato Pasquale Fistetti, è stato denunciato a piede libero. 

La prima udienza del processo per direttissima si è già tenuta ieri dimanzi alla giudice del Tribunale di Brindisi Adriana Almiento (pm è Gualberto Buccarelli). 

La prossima udienza è stata fissata per il 16 giugno. Una giornata di festa si è trasformata in qualcosa di molto diverso per ragioni inspiegabili o, comunque, ingiustificate. Tanti auguri, comunque, a chi ha conseguito i sacramenti. Sarebbe potuta andare diversamente, ma la fede resta. 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter