Irruzione nella sede della Croce Rossa, danni. Ladri o teppisti? Volontari rammaricati: “Questo è il ringraziamento per ciò che facciamo?”

Nella notte tra il 20 e il 21 giugno, qualcuno ha fatto irruzione nella sede della Croce Rossa Italiana – Comitato di Francavilla Fontana – Oria nei pressi del passaggio a livello da cui ci s’immette lungo la strada provinciale per Villa Castelli. Si sarà trattato di un tentativo di furto? Chissà. Tuttavia, i danni sono stati più materiali che economici, come confermano gli stessi responsabili del presidio.

“Non conosciamo le vere intenzioni con cui queste persone sono entrate nella nostra sede né se speravano di trovare oggetti di valore da cui ricavare un bottino proficuo.

Quello che resta di questa situazione, oltre ai danni fisici ed economici, è una profonda sensazione di amarezza e sconforto perché venire a rubare in una sede della Croce Rossa Italiana non può che essere un atto altamente misero e vile nei confronti di persone che mettono a disposizione il loro tempo in maniera totalmente gratuita per aiutare chi più necessita di vicinanza e attenzioni.

Colpire la Croce Rossa è come colpire ognuno di noi e soprattutto dopo due anni, reduci da una pandemia disastrosa, dove abbiamo fatto il meglio che potevamo per accontentare tutti, questo “ringraziamento” è davvero un colpo basso e doloroso che non ci aspettavamo minimamente.

È stata sporta subito denuncia ai carabinieri di Francavilla Fontana e ora attendiamo l’esito delle indagini sperando che i responsabili della situazione vengano individuati e condotti a rispondere alle loro gravi responsabilità.

Invitiamo i cittadini a supportarci nella difesa di quello che è un bene comune per tutti.

Tutto questo, in ogni caso, non ci fermerà minimamente dalle nostre attività quotidiane perché la nostra voglia di aiutare e la nostra umanità, che ci ha sempre contraddistinto, sono più forti delle barbarie subite”.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter