Corriere espresso multato in via Roma, ma i commercianti gli pagano il verbale

Sanzionato dalla polizia locale, aiutato dai commercianti, che gli hanno pagato il verbale. Matteo, giovane corriere espresso di Bartolini, nella prima serata di ieri pare avesse violato le rigide regole che da qualche tempo interessano via Roma nel cuore del centro di Francavilla Fontana e per questa ragione era stato “multato” dagli agenti che non avevano avuto nessuna pietà di lui, così come non l’avrebbero avuta nei confronti di nessuna altro. Via Roma è oggi un’isola pedonale e tale sembra essere destinata a rimanere nelle intenzioni dell’attuale Amministrazione, salvo cambio della guardia con le elezioni amministrative del prossimo anno.

Matteo, evidentemente inconsapevole, ha imboccato come se nulla fosse quel tratto di strada interdetto al traffico e oggetto di recente restyling dello storico basolato – peraltro, tuttora in corso – per consegnare quanto prima i prodotti agli esercenti senza sforare la sua proverbiale tabella di marcia. Tutt’a un tratto si è però ritrovato davanti una pattuglia della Municipale che dapprima gli ha chiesto spiegazioni, poi i documenti e infine l’ha sanzionato.

Ovvia la perdita di tempo, ovvio il dispiacere e altrettanto ovvie le rimostranze dei destinatari della merce, che hanno accerchiato gli agenti per difendere il loro “supporto” commerciale ormai conosciuto e apprezzato da tutti.

Dopo aver preso atto dell’inflessibilità – giusta, a rigor di normativa – da parte degli agenti, i commercianti si sono immediatamente organizzati con una colletta e in men che non si dica, malgrado le ristrettezze economiche legate alla congiuntura e agli stessi lavori che vanno avanti dal mese di febbraio, gli operatori economici hanno promosso una sorta di colletta per tenere indenne il loro corriere e anzi quasi in segno di affetto nei suoi confronti. In poco tempo hanno racimolato la somma necessaria a pagare il verbale e probabilmente a salvare il posto del lavoratore, che non dovrà così rendere conto all’azienda per cui presta servizio. Il gesto dei commercianti, al netto della legittimità del verbale, è sicuramente da apprezzare.

“La multa elevata a Matteo – ha scritto la portavoce Alessandra Vacca – è uno schiaffo a chi ogni giorno lavora con impegno ed onestà. È una sanzione ingiusta. È il risultato di quelle “scelte politiche” che impattano sulla realtà in maniera drammatica e devastante. Gli esercenti di Via Roma hanno voluto, su iniziativa della collega Marisa Carella, farsi carico della multa di Matteo, perché quella sanzione è un bastone tra le ruote del suo camion ma anche delle nostre attività che da ben dieci mesi resistono ad un cantiere infinito e ad una classe politica dirigente – scrive la commerciante – che ha ritenuto i nostri “interessi di categoria” non meritevoli di tutela”.

Domenico Attanasi

Di diverso avviso il presidente del Consiglio comunale Domenico Attanasi, secondo il quale: “Anche a me dispiace che un giovane dipendente di una ditta di trasporti sia stato contravvenzionato. Mi dispiace umanamente. Anche se un operatore professionale dovrebbe sapere che per effettuare il carico e scarico su una strada chiusa al traffico è sufficiente farsi autorizzare. Funziona così. Ovunque. Gli agenti della Polizia Locale potevano essere più flessibili e lasciare correre?

Limitarsi a fare prevenzione e non repressione? Non lo so, non spetta a me dirlo e non spetta alla parte politica interferire sull’operato di chi ogni giorno, nell’adempimento del proprio dovere, scende in strada e deve confrontarsi con le richieste e le situazioni più disparate. Non posso però esimermi dal dire che la scena degli agenti di Polizia Locale in divisa letteralmente accerchiati da alcuni esercenti commerciali di via Roma mi ha profondamente colpito. E offre un’immagine della nostra città che non fa bene a nessuno”. 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter