Festa San Bosco 2023, tra gli ospiti anche don Patriciello e l’imprenditore Leonardi. Da sempre in campo contro le mafie e i loro sistemi tossici

Don Maurizio Patriciello e Luigi Leonardi alla Festa di San Giovanni Bosco 2023. Due super ospiti alla prossima Festa di Don Bosco ad Oria, due testimoni importantissimi e due storie molto profonde. Don Maurizio, difensore degli ultimi, voce di chi voce non ha!

Luigi, imprenditore tenace e coraggioso.
Don Maurizio Patriciello è nato a Frattaminore, in provincia di Napoli, nel 1955. Dopo anni di assenza dalla chiesa cattolica, incontra un frate francescano.
Grazie a quest’ultimo che lo avvicina alla fede, lascia il suo lavoro di paramedico ed entra in seminario. Viene poi ordinato sacerdote e diventa parroco nel quartiere ‘Parco Verde’ di Caivano, sempre nel napoletano. Da allora è impegnato in prima linea nella lotta alla tutela del territorio inquinato dalle discariche industriali inquinanti e radioattive. Per capirci, la cosiddetta ‘Terra dei Fuochi’.
Ha visto, nel corso di questi anni, morire adulti, ragazzi ed addirittura bambini anche di 4 anni, oltre che il fratello Franco, per il cancro.

Don Maurizio, dopo diverse minacce ed attentati, vive sotto scorta.

Luigi Leonardi è un testimone che parla perché la mafia l’ha denunciata. Precisamente la camorra dei clan Russo di Nola, i Mallardo di Giugliano, gli Scissionisti di Secondigliano e gli altri clan padroni dell’area nord della città di Napoli. Luigi Leonardi è un imprenditore che ha fatto arrestare i suoi estorsori, e ne continua a parlare da 19 anni, anche se questo lo costringe a una vita di rinunce, sotto scorta e in costante pericolo con lunghe trafile nei tribunali per testimoniare di
persona contro i clan.

www.oratoriosing.it

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter