Moira Orfei a Brindisi, l’Aidaa la denuncia per sfruttamento di animali e lavoratori

E’un benvenuto dal sapore amaro quello che una parte di Brindisi riserva alla regina del circo Moira Orfei, che isserà i suoi tendoni in città domani 27 febbraio, nel piazzale del centro commerciale Le Colonne. Gli attivisti dell’associazione in difesa degli animali AIDAA ha presentato presso la Procura di Brindisi un esposto contro la stessa Moira Orfei, accusandona di sfruttamento del lavoro minorile e di maltrattamento degli animali. Una denuncia che riporta a galla lo scontro fra i brindisini amanti degli animali e il mondo circense, esploso nei mesi scorsi con il sindaco Mimmo Consales a guidare la crociata.

Ora la contesa sembra assumere toni più gravi, con l’interessamento della magistratura e l’accusa, pesantissima, di sfruttamento del lavoro minorile.

20090326_Moira_Orfei_02_d0

A seguire il testo della denuncia depositata in procura dal presidente nazionale dell’Aidaa Lorenzo Croce:
“Mi rivolgo a codesta procura della repubblica di Brindisi nella persona del sostituto procuratore Montinaro per denunciare il circo di Moira Orfei giunto nella giornata odierna in città per i reati di cui agli articoli 544 (maltrattamento di animali) in quanto il circo detiene in condizioni non corrispondendi alle normative CITES buona parte degli animali e sopratutto in caso di ferma non è in grado di poter garantire una giusta ed adeguata sicurezza per gli elefanti visto il numero elevanto di capi presenti all’interno del circo.

Per il maltrattamento dei felini ed in particolare di una tigre bianca tenuta in spazi angusti che non rispettano le normative Cites cosi come per molti altri animali.

Per la violazione dell’articolo 600 e 602 del codice penale riguardante le condizioni di lavoro a cui sono sottoposti i lavoratori stranieri, sottosalariati ed esposti ai rischi di un contatto con animali feroci senza le adeguate preparazioni e protezioni, riducendo anche per le carenze alimentari e di spazi abitativi ed igienici tali sottoposti nelle condizioni di riduzione in schiavità e sfruttamento della schiavitù con l’aggravante per i minori di 14 anni costretti a lavorare a vario livello nel circo ed anche a contatto con animali feroci quali i felini di grande stazza e gli elefanti concernente la violazione dell’articolo 37 della Costituzione Italiana e della legge 25/1955 e successive modificazioni.

Il circo è attendato questo pomeriggio a Brindisi in un area parcheggio in località LE COLONNE A BRINDISI considerata non regolare cosi come da segnalazione del corpo forestale dello stato allegata alla presente denuncia querela.

Si chiede un intervento urgente di questa procura al fine di bloccare le attività del circo Moira Orfei per evitare il reiterarsi dei reati di cui sopra che mettono in pericolo la vita di giovani e di lavoratori costretti a vivere e lavorare in condizioni di schiavitù oltre che di maltrattamento degli animali”.

joezampetti
snasto
nuovarredo
Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter