Oria, una città, due cimiteri: l’amministrazione ora pensa di unificarli/video

A sinistra l'ala nuova del cimitero di Oria, a destra quella vecchia
A sinistra l’ala nuova del cimitero di Oria, a destra quella vecchia

Quella strada è troppo stretta, malridotta e pericolosa, in più ce n’è un’altra poco distante (come testimoniato dal video), e realizzata di recente, che la può sostituire tranquillamente. Parte da queste premesse l’idea dell’amministrazione di chiudere una volta per tutte via Cuculicchio, quella che passa tra le due ali del camposanto di Oria, comunemente indicate come “cimitero vecchio” e “cimitero nuovo”. Quando piove l’angusta viuzza che costeggia tombe e cappelle gentilizie è soggetta a smottamenti che, nei mesi scorsi, hanno addirittura causato il crollo del muro di cinta dell’ala nuova del cimitero, rimasta così proprio nell’ottica dell’unificazione. Un’unificazione che significherebbe per il Comune anche poter realizzare anche nuovi loculi pubblici da concedere ai privati, con conseguente introito per le casse di palazzo di città. Anche se molto trafficata, l’antica via Cuculicchio non è affatto sicura per gli automobilisti di passaggio, considerate le dimensioni ridotte della carreggiata. Di qui una decisione sofferta e che probabilmente non mancherà di creare malumori: dirle addio e chiuderla per quanto possibile, fino all’estremo confine con le proprietà private all’estrema propaggine dell’intersezione con via Manzoni.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter