Francavilla, in corso l’operazione “desisti” sui candidati: «Tu di là non puoi stare, o qui o niente»

baccio-di-ferroNon si tratta di semplici cambi di casacca, ché quelli ormai sono normali tra una tornata elettorale e l’altra. Si sa, il concetto di coerenza in politica è un bel po’ più sfumato rispetto a quello che se ne ha in altri contesti sociali. Ciò che invece da qualche giorno e da più parti si denuncia a Francavilla Fontana – prossima ad amministrative che, da tradizione, si preannunciano tese – sono i cambi di casacca imposti, una sorta di “compravendita” di candidati, compravendita non in senso tecnico o letterale, ma in senso lato, ma non per questo meno preoccupante. Della serie: «O ti candidi con noi oppure salta un turno e restatene a casa, altrimenti peggio per te».

L’operazione “desisti” – rende bene l’idea – sarebbe peraltro in qualche caso riuscita, almeno stando a quanto assicurano parti politiche che – last minute, dalla sera al mattino seguente – si sono trovate private o scippate di componenti ufficiali delle proprie liste. Per intendersi: gente che, insomma, se non aveva già fatto stampare i santini elettorali con tanto di nome e simbolo, era lì lì per farlo. Gente sulla quale i candidati sindaco e i partiti, coi quali si era già impegnata, facevano affidamento.

E invece no: cause di forza maggiore osterebbero alle stesse candidature. Stai di qua, sennò stattene zitto e buono in angolino, nel tuo stesso interesse.

Semplici e “fisiologici” giochi di potere? Forse. La tensione però sale e, al di là del “si dice” e delle ciacole, comincia ad affiorare una certa insofferenza, che un giorno – alcuni tra i protagonisti dell’agone elettorale l’hanno già velatamente preannunciato – potrebbe addirittura sfociare non più in denuncia pour parler, bensì in denuncia formale alle forze dell’ordine o, più verosimilmente, a prefettura e procura.

Così come non si tocca la libertà di elettorato attivo, parimenti non si tocca la libertà di elettorato passivo, ossia dei candidati. Concetto semplice, almeno sulla carta.

Eliseo Zanzarelli

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter