Dal senatore Iurlaro solidarietà a Di Bari e Amati: «Legge Severino mostro giuridico»

pietro iurlaroSi riceve e pubblica:

La Legge Severino si conferma, ancora una volta, un’assurdità giuridica dagli effetti devastanti non solo per il singolo amministratore, non solo per le comunità ma anche, e soprattutto, per il principio di presunzione di non colpevolezza vigente nel nostro ordinamento che, quindi, risulta essere preso a calci da una norma estremamente giustizialista. Una norma che non mi convinceva prima e non mi convince neanche ora laddove, commentando il caso Fasano e pur confidando nella Giustizia, ritengo che sia il sindaco di Bari sia il consigliere Amati meritino di difendersi, in tutti i gradi di giudizio, con la serenità propria di chi ritiene di non aver commesso alcun illecito. Pertanto, la sospensione del sindaco e, eventualmente, quella del consigliere appaiono come orrende mutazioni dalla conseguenze ancor più orribili, che distorcono un principio cardine del nostro ordinamento e la volontà di un elettorato sempre più svuotato del proprio potere.

Pietro Iurlaro

Senatore della Repubblica

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter