Oria, rubano i cavi telefonici e le imprese restano isolate. Situazione gravissima. La Telecom: «Arrangiatevi, potrebbero volerci mesi»

imprese-isolate-via-manduriaÈ isolata da giorni, dopo un consistente furto di cavi telefonici ed elettrici, una delle più importanti aree produttive di Oria, lungo la direttrice Manduria. Sono prive di linee voce e dati – impossibilitate a effettuare e ricevere chiamate e fax e a connettersi a internet – aziende storiche quali Edilpref, Spina Sapori di Puglia, Segheria Salentina, Omega, D’Antona e Prefabbricati Pugliese, il cui fatturato rappresenta una buona metà, se non oltre, di quello complessivo messo assieme dalle restanti imprese che sorgono in agro oritano. Disagi, ovviamente, anche per le famiglie che risiedono lungo la provinciale per Manduria, che a ridosso del centro abitato di Oria è zona residenziale.

Negli scorsi giorni qualcuno avrebbe fatto razzia di cavi e addirittura tralicci Telecom. Gli imprenditori e i residenti hanno contattato la compagnia telefonica per segnalare e sollecitare la pronta riparazione dei guasti, ma dagli operatori hanno ottenuto tutto fuorché rassicurazioni in tal senso: sarebbe impossibile comunicare tempi esatti, cosicché potrebbero essere necessari diversi giorni, forse addirittura mesi. C’è peraltro un ulteriore fattore di rallentamento delle operazioni, sempre a detta della Telecom: ai tecnici, già inviati sul posto, alcuni residenti avrebbero impedito l’accesso nelle loro proprietà, complicando il tutto.

Di qui, da parte del colosso delle comunicazioni, l’invito – neppure tanto velato – di arrangiarsi alla meno peggio rivolto agli imprenditori che, ormai sull’orlo di una crisi di nervi, proprio non riescono a far buon viso a cattivo gioco mentre sono costretti a osservare ridursi ancora il loro giro d’affari. I clienti continuano a chiamare, ma le linee squillano a vuoto, i fax non ricevono, le mail con gli ordinativi non possono essere lette per tempo, è impossibile accedere persino ai “cloud” contenenti le banche dati aziendali e ai servizi bancari online. Insomma, al danno di una crisi senza precedenti, si aggiunge la beffa di un disservizio che nell’era del progresso e della tecnologia o non dovrebbe esistere o, al massimo, andrebbe risolto in poco, pochissimo tempo. La situazione di via Manduria non rappresenta un problema soltanto per chi lo patisce direttamente, ma per l’intera economia cittadina, provinciale e regionale – trattandosi di aziende di un certo spessore – già in grossissima difficoltà.

Eliseo Zanzarelli

joezampetti
snasto
nuovarredo
Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter