Spettacolare incidente all’incrocio Francavilla – San Marzano: tre feriti in ospedale/FOTO

incidente francavilla san marzano aperturaDi tre feriti il bilancio di un incidente verificatosi, intorno alle 12,45 di oggi, presso uno degli incroci lungo la provinciale che collega Francavilla a San Marzano: nessuno di loro, però, corre fortunatamente pericolo di vita. Un’Alfa Romeo 156 e una Volkswagen Tiguan le auto coinvolte nello scontro, la cui dinamica è ancora in fase di ricostruzione da parte dei vigili urbani di Francavilla. La Tiguan percorreva la Oria-Carosino, mentre l’Alfa proveniva dalla direzione San Marzano.

Alla guida della prima vettura una donna, invece nella Volswagen si trovava una coppia: i tre feriti, soccorsi da ambulanze della protezione civile di Oria e Torre Santa Susanna, sono stati trasportati presso l’ospedale Camberlingo di Francavilla, da dove saranno dimessi già entro al serata di oggi. Le responsabilità dell’impatto sono ancora tutte da attribuire. Sono al lavoro in questo senso gli uomini della polizia municipale della Città degli Imperiali.

Risale a qualche giorno fa un altro incidente grave verificatosi nella stessa zona: una Peugeot 107, condotta da una 33enne di Taranto, che viaggiava in compagnia di altre due amiche tarantine di ritorno da una festa d’addio al nubilato – la guidatrice si sarebbe dovuta sposare oggi – domenica scorsa è andata a impattare contro una Ford Focus station wagon condotta da un uomo di Villa Castelli: tutti feriti, la futura sposa e una delle sue amiche – tuttora in ospedale, una in Rianimazione a Brindisi, l’altra in Chirurgia Toracica – hanno avuto la peggio.

Gli incroci per Sava e San Marzano, a differenza di altri, oggetto d’interventi recenti, non sono dotati di rondò.

Si ringrazia Mimmo De Stefano per l’indispensabile collaborazione

1836935_611975525577264_1935085102766835569_o

10340166_611975125577304_4703997351236994519_n

10348673_611976092243874_2674065049312337086_o

10368319_611976872243796_1250313220634769192_o

joezampetti
snasto
nuovarredo
Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter