Oria, che fine hanno fatto le bandiere natalizie? Eccole: negli scantinati del Comune – LE FOTO

CarpeDiem_XMAS

bandiere natale oria 1Lo scorso anno destarono non poca curiosità e qualche polemica le bandiere rosse commissionate a una ditta di Pomezia (Roma) dall’ex assessore del Comune di Oria a Cultura, turismo e spettacolo, Gianfranco Durante, per addobbare la città nel periodo delle festività natalizie. Quest’anno, invece, non ve n’è ancora traccia. Dove sono? Siamo andati a scovarle e le abbiamo fotografate negli scantinati del municipio, dove c’è il deposito della biblioteca civica.

Dodici mesi fa, si discusse del gusto – secondo alcuni, dubbio – di quei drappi e anche di quanto furono pagati (alla fine, pare 3.700 euro), oltre che del messaggio che contenevano: una frase tratta dal diario dello sfortunato Andrea Dellomonaco, scomparso prematuramente a causa di una odiosa malattia. «Una delle cose da vivere sempre per non rimpiangere mai… l’amore», pensiero interessante e profondo, ma ritenuto poco attinente al Natale.

bandiere natal oria 4
Le bandiere 12 mesi dopo: negli scantinati del Comune

Prima delle festività di fine anno 2013, a montare le bandiere pensarono i quattro Rioni a spese del Comune: 2mila euro perché ciascuno di essi provvedesse ad addobbare la propria area di competenza.

Oggi, però, sembra che disponibilità economiche non ce ne siano, dunque i Rioni sono poco incentivati a fare altrettanto. Il rischio che quelle bandiere – pagate, il giusto o troppo ormai poco importa – restino nelle segrete di palazzo di città è concreto. L’ente non ha soldi, i Rioni non hanno tempo.

bandiere natal oria 2Lo conferma la funzionaria comunale dottoressa Antonella Gobbi, che però sta studiando delle soluzioni perché quegli addobbi, di sicuro originali, non rimangano inutilizzati.

bandiere natal oria 3Una delle ipotesi è affidata al buon cuore dei Rioni stessi che, per amore della città, potrebbero farsi carico di provvedere a titolo gratuito all’installazione di pali e drappi. Come l’anno scorso, ma senza rimborsi spese.
Un’altra possibilità è che operai dipendenti del Comune facciano da sé dopo aver prelevato i pali di sostegno dalle sedi rionali, almeno per colorare un po’ le principali piazze di Oria.

Secondo Gobbi, in ogni caso la città sarà addobbata a stretto giro. Con o senza la collaborazione dei Rioni. Le bandiere? Sarebbe un peccato se non fossero utilizzate, dunque probabile che alla fine almeno un parte di esse sia tirata fuori dagli scantinati del municipio e finisca nuovamente per strada.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter