Francavilla, aveva in campagna 34 chili di droga, pistola e munizioni: condannato a 4 anni di carcere

GibaG_Banner 500x250Lo Strillone

droga e fusti-2

Quando lo scorso 5 settembre i carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana fecero irruzione nel casolare di contrada Palmarini, quello che trovarono fu un vero e proprio laboratorio della droga. Dalle ricerche effettuate con cani antidroga tra alberi, muretti a secco e fusti in plastica saltarono fuori 32 chili di marijuana divisi in 28 panetti, due chili di hascisc divisi in 19 panetti, oltre ad armi e munizioni. L’operazione diretta dal capitano Nicola Maggio portò all’arresto di due giovani braccianti agricoli: Vincenzo Lorusso, di 28 anni e Vincenzo Gioia di 26. Ora, a circa 5 mesi da quel blitz, giunge la decisione del tribunale di Brindisi. Vincenzo Lorusso è stato condannato a 4 anni di reclusione per detenzione di droga, ricettazione e detenzione d’arma clandestina.

LORUSSO VincenzoL’ordine di carcerazione gli è stato notificato stamani dai carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana che lo hanno condotto presso il carcere di Brindisi. Gli stessi carabinieri che tramite appostamenti e controlli aerei, scoprirono il covo nelle campagne di contrada Palmarini. Il blitz scattò nel pomeriggio, quando nel casolare c’era il solo Vincenzo Gioia, che lì risiede assieme a moglie e figli. Lorusso, proprietario dell’appezzamento, giunse poco dopo, mentre i militari scandagliavano ogni metro quadro, fra pietro e muretti. La droga saltò fuori all’apertura di alcuni fusti bianchi. Era già divisa in panetti, per essere poi destinata alla vendità. I due non ne ebbero il tempo.

panoramica blitz-2

Oltre alla sostanza stupefacente i carabinieri trovarono 6 grammi di mannite, una pistola semiautomatica calibro 7,65 con matricola completa di serbatoio e 20 cartucce dello stesso calibro, 62 cartucce per pistola calibro 22, 28 cartucce a pallini calibro 8″.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter