San Giuseppe, tempo di preghiere e “mattre”: tra fede e folklore, ecco il 19 marzo a Erchie – FOTO

GibaG_Banner 500x250Lo Strillone

SAN GIUSEPPE MATTRE ERCHIE

Come ogni anno da secoli a questa parte, si è rinnovato anche ieri a Erchie l’appuntamento con la fede e la tradizione in onore di san Giuseppe e ovviamente con le immancabili “mattre” disposte in centro attorno al santuario di santa Lucia, dov’è custodita la statua del “festeggiato”: un tempo, era questa l’occasione nella quale i benestanti del paese offrivano da mangiare ai meno abbienti, che si accalcavano nei pressi delle tavolate, ricche di nove o 13 pietanze tipiche della tradizione (dai “cirici e tria (tagliatelle caserecce)”, al baccalà,, ai cavolfiori fritti, al pesce fritto, agli “ampasciuni” fritti e al sugo, alla “tria” col miele per dolce al posto delle zeppole, alla frutta secca in quantità).

Oggi, al rito religioso e caritatevole si è aggiunto quello folkloristico, capace di attirare nel paesino di neppure diecimila anime migliaia e migliaia di persone tra fedeli, turisti e semplici curiosi.

Una grande festa di popolo – di quelle che man mano altrove stanno svanendo o sono svanite – capace di riempire le vie del centro di gente e di colori come di rado avviene nella quotidianità.

Oltre alle “mattre” (dal nome della casseruola in legno nella quale si lavora l’impasto per preparare il pane) – allestite perlopiù da parrocchie, associazioni e scuole del posto, autentici custodi della storia – non sono mancati gli uccellini, anch’essi un classico del 19 marzo, impastati con acqua e farina che simboleggiano la pace e sono di buon auspicio: in antichità, quando sul paese stava per abbattersi un temporale, era consuetudine sbriciolare questo simbolo e spargerlo ai quattro venti per scongiurare le peggiori conseguenze della

calamità naturale.

Accanto al cibo, si diceva, quel senso profondo di religiosità sotteso alla festività: come sempre, a mezzogiorno in punto la statua di san Giuseppe è uscita in processione dalla chiesa, preceduta dai “fratelli” dell’Arciconfraternita dell’Immacolata e dal parroco che, durante il percorso, ha benedetto, una ad una, le varie “mattre”. Da qualche anno a questa parte, anche in considerazione della portata che ha assunto l’evento, è il vescovo della Diocesi di Oria a impartire la benedizioni: senza questa sorta di via libera, nessuno si azzarda a toccare le vivande.

Così è stato anche questa volta: prima dell’ideale “via libera” di monsignor Vincenzo Pisanello, nessun assalto alla diligenza. Dopo, invece, sì. Ma, a differenza che in un passato remoto, in forme civili e senza sgomitare. Anche se, alla fine, i piatti ne sono usciti lo stesso pulitissimi. Come peraltro era giusto che fosse.

SAN GIUSEPPE MATTRE ERCHIE

SAN GIUSEPPE MATTRE ERCHIE

SAN GIUSEPPE MATTRE ERCHIE

SAN GIUSEPPE MATTRE ERCHIE

SAN GIUSEPPE MATTRE ERCHIE

SAN GIUSEPPE MATTRE ERCHIE

SAN GIUSEPPE MATTRE ERCHIE

SAN GIUSEPPE MATTRE ERCHIE

SAN GIUSEPPE MATTRE ERCHIE

SAN GIUSEPPE MATTRE ERCHIE

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter