Centro Casalinghi, risarcimento in ritardo: monta ancora la protesta dei lavoratori

IMG_3909

Si riceve e pubblica:

Si è tenuta ieri pomeriggio alle ore 17.00, presso la sede aziendale in Francavilla Fontana (Br) alla Zona Industriale, la riunione dei dipendenti e degli Agenti di Commercio della Centro Casalinghi Srl, indetta per discutere delle iniziative da assumere a tutela del loro posto di lavoro, messo a rischio dal mancato pagamento dell’indennizzo assicurativo da parte di UnipolSai Assicurazioni Spa per l’incendio che ha semidistrutto l’azienda il 17 luglio 2012, costringendola ad attivare la procedura di concordato preventivo in continuità aziendale.

IMG_3908Il lavoratori, affiancati dal rappresentante sindacale territoriale della UIL Cosimo Nicolazzo, chiedono di far luce sul caso, invocando anche l’intervento della Procura della Repubblica di Brindisi, che intendono sollecitare con le più opportune iniziative, essendo venuti a conoscenza della ulteriore prosecuzione delle attività peritali che ormai vanno avanti da oltre 2 anni e mezzo, lungaggine che espone l’azienda ad un rischio fallimento deleterio per la loro occupazione. Il sig. Cosimo Nicolazzo si è riservato di chiedere un incontro con il Sindaco di Francavilla Fontana e con il Prefetto di Brindisi, se non ci saranno sviluppi positivi della vicenda che mette a repentaglio il futuro dei lavoratori della Centro Casalinghi.

Solidarietà ai lavoratori è stata espressa dal Sindaco di Francavilla Fontana Prof. Maurizio Bruno che per il concomitante Consiglio Comunale è stato impossibilitato a partecipare alla riunione cui era stato invitato. Nel corso della riunione è intervenuta una telefonata da parte del senatore Pietro Iurlaro il quale ha dichiarato che porterà la vicenda all’attenzione del Parlamento. Interesse al caso ha manifestato, infine, nei giorni scorsi anche il senatore Maurizio Buccarella del Movimento 5 Stelle.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter