Giornata mondiale dell’alimentazione, Avis Oria e le sue esperte: «Così si nutre un donatore»

Fig.5-Dieta_Donatore

Dott.ssa Alessandra Della Rosa
Dott.ssa Alessandra Della Rosa

Oggi si celebra la Giornata mondiale dedicata all’alimentazione. Avis Oria, grazie al contributo di Alessandra Della Rosa, biologa e vicepresidente dell’Avis comunale Oria, ed Elena Conte, biologa e nutrizionista da sempre attiva in convegni Avis sul tema, desidera approfondire e promuovere con questo articolo lo stretto legame tra dieta e donazione del sangue.

Negli ultimi anni è stata registrata una sempre maggiore attenzione del mondo del volontariato del sangue verso l’alimentazione dei propri donatori. Sono lontani i tempi in cui si richiedeva il digiuno totale. L’errata scelta di non alimentarsi prima della donazione, soprattutto di primo mattino, disincentivava molti potenziali donatori, abituati a non saltare il primo pasto del giorno.

Dott.ssa Elena Conte
Dott.ssa Elena Conte

Mangiare e nutrirsi correttamente è premessa indispensabile per una vita sana. Un’alimentazione in cui sono presenti, nelle giuste quantità, tutti i gruppi alimentari e tutti i nutrienti, è fondamentale per tutti, ma lo è in particolare per un donatore di sangue. In generale nella quotidianità è consigliabile seguire le linee guida di una DIETA MEDITERRANEA, schematizzata dalla piramide alimentare, che prevede moderazione nelle quantità, variazione degli alimenti e limita il consumo di grassi privilegiando, invece, quello di FRUTTA e VERDURA (5 porzioni al giorno). È buona norma, inoltre, alternare l’uso di CEREALI raffinati con quelli integrali, aumentare il consumo di LEGUMI e PESCE (specialmente azzurro, 3-4 volte a settimana), che grazie alla presenza di grassi polinsaturi, esercita un effetto benefico su cuore e circolazione, e preferire CARNI bianche e tagli magri a quelle rosse (pur avendo quest’ultime un maggior contenuto di ferro, indispensabile per chi dona sangue, ma il ferro non è contenuto solo nella carne di cui è preferibile non eccedere); SALUMI e FORMAGGI, essendo ricchi in grassi, sarebbe meglio consumarli non più di due volte a settimana e in modica quantità (preferire formaggi freschi a quelli stagionati e salumi magri come bresaola, crudo, cotto e fesa di tacchino, privati del grasso visibile). Un altro punto importante è quello di moderare il consumo giornaliero di bevande alcoliche, da evitare totalmente invece la sera precedente e qualche ora dopo la donazione (almeno fino al primo pasto completo).

Fig.1 – Piramide Alimentare (http://alimentazionebambini.e-coop.it/piramide-alimentare/)

Fig.1-Piramide_Alimentare

L’alimentazione del donatore, nello specifico, deve essere:

1. RICCA in FERRO

2. POVERA in GRASSI

3. RICCA in LIQUIDI

Queste tre caratteristiche sono importanti soprattutto nei giorni precedenti la donazione e nel periodo successivo.

  • ALIMENTAZIONE RICCA IN FERRO

La funzione principale del ferro è di costituire l’emoglobina contenuta nei globuli rossi indispensabili per trasportare l’ossigeno ai tessuti e ai muscoli, è quindi importante che l’organismo ne abbia adeguati depositi. Quando si dona il sangue queste riserve vengono temporaneamente diminuite. Ecco perché una dieta ricca in ferro, soprattutto NEI GIORNI PRECEDENTI la donazione e IN QUELLI SUCCESSIVI può aiutare. Gli alimenti a maggior contenuto di Ferro sono sia di origine vegetale, che animale, ma bisogna ricordare che solo il 10% del ferro di origine vegetale è assorbito ed è quindi consigliabile abbinare sempre a queste fonti di ferro, alimenti ricchi di vitamina C (agrumi, pomodori, kiwi, mango, peperoni rossi e gialli), che ne favoriscono l’assorbimento.

Fig.2 – Dove trovare il ferro – http://ilovefoods.it

Fig.2-Dove_trovare_il_ferro

  • ALIMENTAZIONE POVERA in GRASSI

Un’alimentazione povera in grassi è fondamentale soprattutto nelle 24 ore precedenti la donazione, in quanto un eccesso di grassi alimentari nei cibi può determinare un innalzamento dei lipidi ematici e interferire con alcuni test che vengono effettuati sul sangue stesso. Bisogna fare attenzione, quindi ai fritti, ai tagli di carne grasse, ai formaggi e ai salumi quali salame, pancetta, lardo ecc. Meglio optare, la SERA PRECEDENTE, per un sano menù mediterraneo con pasta o riso più verdure e una porzione di carni bianche (pollo o tacchino) alla griglia o del pesce. Bisogna evitare le salse tipo maionese, i gelati, la panna, le patatine fritte, i dolci e le cene ai fast food. Tra gli alimenti poveri in grassi andranno privilegiati la pasta e il riso, le verdure, la frutta, il pollame, il pesce. Le stesse indicazioni valgono se la donazione avviene in serata consumando un PRANZO LEGGERO (4 ore prima) ed ESCLUDENDO in particolare LATTE E DERIVATI. A COLAZIONE, (preferibile al digiuno, come accennato precedentemente), scegliere succhi di frutta, spremute o the e camomilla, preferibilmente non zuccherati, e fette biscottate o frutta fresca, al posto di brioche/cornetti e altri cereali raffinati e farciti.

Fig.3 – Dieta ipolipidica – http://benessere360.com

Fig.3-Dieta_Ipolipidica

  • ALIMENTAZIONE RICCA in LIQUIDI

Una corretta idratazione è particolarmente importante IL GIORNO della DONAZIONE, nel GIORNO PRECEDENTE e in quello SUCCESSIVO. Donare sangue determina una perdita di liquidi per il nostro corpo, che dovrà essere prontamente riequilibrata. Occorre, quindi, bere qualche bicchiere di acqua in più rispetto al solito sia PRIMA che SUBITO DOPO la donazione. Anche i cibi possono aiutare a fornire liquidi: tra questi zuppe, minestroni, verdure e frutta. Un’alimentazione eccessivamente solida, provoca anche un importante richiamo di sangue a livello del sistema gastroenterico che, associato al salasso appena avvenuto, potrebbe causare una brusca caduta della pressione sanguigna. Si consiglia, inoltre, di NON ECCEDERE nelle BEVANDE RICCHE IN CAFFEINA o altre sostanze eccitanti, (caffè o bibite tipo cola), e nelle BEVANDE ALCOLICHE, le quali hanno un’azione diuretica che contribuisce a disidratare il nostro corpo.

Fig.4 – L’acqua: alla base della vita – https://microidrina.com

Fig.4-Acqua

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter