Concerto jazz in piedi per il presidente del Consiglio comunale, e monta la polemica: sgarbo istituzionale?

Piazzetta San Marco gremita in occasione del concerto di sabato scorso

Secondo alcuni, uno sgarbo o – peggio – un dispetto istituzionale bello e buono. Per altri, semplicemente una prassi ormai consolidata. Una cosa è certa: nei giorni scorsi, al presidente del Consiglio comunale non è stato riservato un posto – in prima, seconda, terza e neppure ultima fila – in piazzetta San Marco, dov’è andato in scena il terzo appuntamento della rassegna “Francavilla Open Jazz”, che poi è stato il primo di “Francavilla è Jazz”. Una sorta di tentativo pacifico di cooperazione, all’insegna della buona musica, per quanto di nicchia, tra la precedente Amministrazione e quella odierna: due serate a testa, col patrocinio (oneroso, non soltanto morale) del Comune.

Seconda e prima carica istituzionale di Francavilla Fontana: Domenico Attanasi e Antonello Denuzzo

I fatti. Sono quasi le 21,30 di sabato scorso (8 settembre) e Domenico Attanasi – oggi, seconda carica politico-istituzionale nella Città degli Imperiali, immediatamente dopo il sindaco Antonello Denuzzo – giunge in centro per godersi il concerto degli “All Stars Quintet”, convinto che gli fosse stato lasciato un posto a sedere. Controlla ogni fila e, suo malgrado, scopre che no, al presidente delle assise civiche nessuno aveva pensato. Le sedie davanti al palco erano state tenute in caldo per gli organizzatori e ai loro amici, alla direzione artistica, agli sponsor, al primo cittadino, all’assessore al ramo (Cultura e spettacolo) e quelle dietro erano comunque già prenotate. Un po’ indispettito, fa notare la cosa al patron della manifestazione Alfredo Iaia (ex assessore ai tempi di Maurizio Bruno e poi candidato consigliere a suo sostegno). Quest’ultimo prova a spiegare le sue ragioni e la sua buona fede, ma Attanasi dice di non avere voglia di godersi un concerto in piedi. Gira i tacchi e se ne va.

Richiesto di un commento su quanto accaduto, il fondatore di Idea per Francavilla si è trincerato dietro un secco “no comment”.

Alfredo Iaia, ex vicesindaco ai tempi dell’Amministrazione Bruno e organizzatore/direttore artistico di Francavilla è Jazz

Intanto, questa sera (martedì 11 settembre), sempre dalle 21,30 e sempre in largo San Marco, andrà in scena l’ultimo atto della kermesse “Francavilla Open Jazz/Francavilla è Jazz” (per cui l’ente ha stanziato circa 8.500 euro) con l’esibizione di Tommaso, Marcotulli e Paternesi Trio. Quasi sicuramente, Attanasi non si presenterà neanche. Quasi sicuramente, tanto, il posto riservato a lui non ci sarà neanche stavolta. Non è insensato ipotizzare un’ulteriore rottura tra il recente passato e il presente amministrativo della Città degli Imperiali, a prescindere dal fatto che si sia trattato di uno sgarbo (dispetto?), di una leggerezza o del rispetto di una consuetudine (invitare soltanto sindaco e assessore di riferimento).

Difficile, se rimarranno così le cose, ipotizzare future forme di collaborazione tra l’Amministrazione Denuzzo e l’associazione “Francavilla è Jazz”, dopo il trattamento riservato, più che alla seconda carica istituzionale cittadina, all’azionista di maggioranza della Coalizione “La città futura”. Il tentativo di pacificazione, perlomeno artistica, sembra essere fallito.

 

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter