«Io, donatore di sangue, costretto a parcheggiare lontano dal centro trasfusionale»


Qui di seguito la denuncia di un lettore che stamattina si è recato in ospedale per donare il sangue:
«Salve, stamattina credo che abbiamo toccato il fondo: sono andato al Camberlingo per donare il sangue e ho dapprima cercato parcheggio fuori poi, siccome non c’era neanche uno, mi sono rivolto al portinaio per chiedergli, considerato ciò che dovevo fare, se mi facesse parcheggiare dentro anche perché in genere ai donatori si consente di parcheggiare quanto più vicino possibile al luogo delle donazione. Il portinaio, però, mi ha risposto nervosamente che non gliene importava nulla e mi ha invitato a togliermi celermente dal passaggio. Ci sono rimasto davvero male e alla fine ho parcheggiato all’esterno ma piuttosto distante, nella speranza di non accusare malori dopo aver compiuto un gesto sicuramente più nobile rispetto a quello del portinaio. 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter