Denunciate anche 13 persone della provincia di Brindisi a seguito di un rave party in Basilicata

Repertorio

Tredici persone residenti in provincia di Brindisi sono state denunciate, tra le altre, per danneggiamento, invasione di terreni o edifici, deturpamento e imbrattamento di cose altrui a seguito di un rave party tenutosi, tra l’8 e il 9 dicembre, in un capannone industriale e in un terreno abbandonati in contrada “Falcone”, tra le campagne di Lavello, dai carabinieri della Compagnia di Venosa (Potenza). I denunciati sono in totale 107, mentre i partecipanti alla festa non autorizzata sarebbero stati più di 300, giunti dalla Puglia, dalla Calabria e dalla Campania.

Tre dei brindisini denunciati – il 43enne O.R. e i 24enni J.D. e A.F.B. – risiedono nel capoluogo di provincia; tre altri – il 20enne O.C., il 21enne F.O. e il 22enne A.C. – risiedono a Fasano; il 22enne A.P. e il 29enne G.B. sono di Cisternino; il 38enne C.B. è di Mesagne, il 32enne A.B. di Ceglie Messapica, il 23enne M.I. di Villa Castelli, il 40enne T.D di San Vito dei Normanni, il 26enne P.S. di San Pancrazio Salentino.

Tra loro, il mesagnese risulta aver partecipato anche al rave party di Capodanno 2018 in una masseria di contrada Pergola a Francavilla Fontana, quando i carabinieri della Compagnia della Città degli Imperiali denunciarono – per gli stessi reati di cui sopra – 20 persone. Il rave francavillese ebbe un’eco internazionale, giacché vi partecipò gente giunta non soltanto da diverse regioni d’Italia ma anche da Romania, Franca, Gran Bretagna, Venezuela, Svizzera e Bielorussia. Nell’area dell’immobile rurale abbandonato fu montata una struttura lunga cinque e alta tre metri sulla quale era stato collocato un potente impianto di amplificazione che “pompava” musica assordante udibile e udita anche a chilometri di distanza. Non fu trascurato neppure l’aspetto enogastronomico: i militari, infatti, trovarono numerose taniche di vino (e di altri alcolici) e finanche un forno portatile per le pizze con tanto di pizzaiolo a disposizione dei partecipanti al rave.

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter