Cane incastrato in un cancello salvato dai ciclisti: ringraziamento tra scodinzolio e carezze

Dapprima era molto diffidente e ha persino accennato una reazione stizzita, ma poi ha quasi preteso le coccole: in questo video la testimonianza dell’affetto reciproco che può esserci tra uomo e animale.
Martedì pomeriggio (2 aprile) i ciclisti dell’Asd Teamskyff di Francavilla Fontana erano di passaggio tra le campagne di San Marzano di San Giuseppe quando si sono imbattuti in una scena che ha imposto loro di fermarsi immediatamente e di prestare soccorso: una cane di razza rottweiler era rimasto incastrato con le zampe posteriori tra le sbarre del cancello di un’abitazione rurale e, quasi sospeso a mezz’aria, guaiva disperatamente.
I ciclisti francavillesi gli si sono avvicinati per aiutarlo e quello, un po’ diffidente, in un primo momento, ha fatto per mordere uno dei soccorritori. Quando però ha compreso le nobili intenzioni degli umani – confermate dal fatto che l’hanno anche abbeverato con l’acqua delle loro borracce – si è tranquillizzato e ha atteso pazientemente durante le operazioni per liberarlo. Non è stato semplice riuscirvi senza creare danno soprattutto all’animale e secondariamente al cancello, ma alla fine tutto si è risolto nel migliore dei modi: con una spranga tubolare, i ciclisti – coordinati dall’assistente capo della polizia di Stato Giuseppe Zaccaria – sono riusciti ad allargare le sbarre e a far riguadagnare la libertà al cucciolotto.
Quest’ultimo, per ringraziare, finalmente scondinzolando, ha chiesto e ottenuto una carezza da tutti i componenti del gruppo di suoi salvatori.
Ringraziamenti rafforzati, poi, da quelli dei proprietari di Ura (questo il nome del rottweiler) nei confronti dei coraggiosi e sensibili membri del Teamskyff.
Bravi, ragazzi!

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter