Non metabolizza la separazione e rende un inferno la vita dell’ex moglie: nei guai 35enne


Non si potrà più avvicinare all’ex moglie né comunicare con lei in alcuna forma dopo che l’ha perseguitata dal 2016 a oggi. I carabinieri della Stazione di Carovigno hanno notificato a un 35enne carovignese la misura coercitiva del divieto di avvicinamento alla persona offesa e ai luoghi da essa abitualmente frequentati.

L’uomo, indagato per atti persecutori, non ha mai accettato la decisione della donna d’interrompere la relazione coniugale, così ha preso a minacciarla e molestarla sistematicamente: in alcune occasioni, palesemente ubriaco, ha inveito contro di lei e persino contro gli ex suoceri.

Condotte, le sue, che hanno generato nella vittima uno stato d’ansia costante, che le ha fatto temere per l’incolumità propria e del figlio minore.

Infatti, in passato, l’uomo ha usato violenza fisica e psicologica nei confronti dell’ex consorte anche alla presenza del figlio, costretto a sua volta a vivere in un clima di terrore instaurato tra le mura domestiche. In qualche circostanza, dopo averla minacciata e insultata, le ha finanche puntato un coltello da cucina alla gola e fatto per investirla con la sua auto. Un calvario andato avanti per ben tre anni e al quale il giudice ha ritenuto di poter porre fine col divieto di avvicinamento. Una misura che sarà aggravata in caso di trasgressione da parte dell’uomo.

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter