Dopo la “caduta” del sindaco di Ceglie, è corsa alla presidenza dell’Ambito sociale

Dopo la “caduta” anticipata del sindaco Luigi Caroli e, di conseguenza, dell’Amministrazione da lui guidata, è decaduto anche il presidente dell’Ambito territoriale (sociale) Brindisi 3, ossia Angelo Palmisano, vice di Caroli e assessore alle Politiche sociali a Ceglie Messapica. I sei comuni consorziati – Francavilla Fontana, Carovigno, Ceglie Messapica, Oria, San Michele Salentino, Villa Castelli – saranno quindi chiamati a darsi una nuova guida politica.

Difficile sia la commissaria straordinaria inviata a Ceglie Messapica dal prefetto, Pasqua Erminia Cicoria, a tenere per sé la presidenza. Molto più probabile che, alla fine, si peschi proprio tra sindaci e amministratori degli enti membri. Detta così, sembra cosa facile, ma a quanto pare le ambizioni sono molteplici e fare sintesi intorno a un’unica candidatura potrebbe non essere una passeggiata di salute.

I pretendenti, insomma, sarebbero più d’uno, per non dire pressoché tutti. Non è un mistero, per esempio, l’interesse del sindaco di Villa Castelli Giovanni Barletta. Questi ha però ereditato un debito, piuttosto cospicuo, del suo Comune proprio nei confronti dell’Ambito, debito che – per quanto preesistente alla gestione Barletta – potrebbe comunque incidere nelle valutazioni che condurranno alla scelta del nuovo presidente.

Non mancherebbero, poi, le ambizioni di Francavilla Fontana e Oria, con le Amministrazioni di Antonello Denuzzo e Maria Lucia Carone che – dopo questo primo anno di rodaggio – intenderebbero giocare un ruolo di primo piano e non accontentarsi di strapuntini. Non si esclude, poi, un inserimento di Carovigno col sindaco Massimo Vittorio Lanzilotti e di San Michele Salentino col sindaco Giovanni Allegrini.

La partita è comunque più che aperta e, oltre alle analisi del dare/avere da parte dei comuni, potranno sicuramente incidere patti di non belligeranza e intese tra i vari rappresentanti istituzionali.

Per dirla con un gioco di parole, l’Ambito è ambìto.

Eliseo Zanzarelli

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter