Ospedale Perrino, domani riapre il reparto di Pneumologia. Oggi la prima dimissione dalla Rianimazione di un paziente Covid


Ospedale Perrino, domani riapre il reparto di Pneumologia. Oggi la prima dimissione dalla Rianimazione di un paziente Covid
Riapre domani, venerdì 10 aprile, il reparto di Pneumologia dell’ospedale Perrino di Brindisi. Sono diciotto i posti letto per pazienti con problemi respiratori: sei di terapia intensiva e dodici di terapia subintensiva.
“Siamo stati i primi – spiega il direttore di Pneumologia, Eugenio Sabato – ad aver affrontato l’onda d’urto iniziale: per venti giorni il reparto ha lavorato a pieno regime quando i pazienti erano tantissimi e molti in gravi condizioni. Adesso possiamo rientrare con un personale che ha ritrovato le energie per riprendere l’attività all’interno del reparto”.
“Siamo riusciti a riaprire il reparto in breve tempo – dice il direttore generale della Asl di Brindisi, Giuseppe Pasqualone – mettendo in sicurezza personale e pazienti. Un ringraziamento va agli operatori sanitari di Medicina Interna, Rianimazione e Malattie Infettive che si sono occupati di questi pazienti con grande professionalità. L’équipe del reparto – prosegue il direttore generale – è composta da cinque pneumologi, un rianimatore, venti infermieri e sei operatori sociosanitari. Dalla rianimazione arriveranno, invece, altri due medici”.
“Abbiamo sfruttato questo periodo di chiusura – aggiunge Sabato – per sostituire i letti con quelli elettrici. L’Ance, l’Associazione Nazionale Costruttori Edili sezione di Brindisi, ci ha donato due monitor e un defibrillatore e altri monitor sono stati forniti dalla Protezione Civile”.
Oggi, inoltre, la prima dimissione dalla Rianimazione del Perrino di un paziente Covid: si tratta di un uomo di 72 anni, trasferito nel reparto di Medicina Interna.UFFICIO STAMPA ASL BR

In questo particolare momento storico, difficile per ciascuno di noi, Lo Strillone News e la sua editrice C.I.M. Edit Srls sono impegnati in un’altrettanto strenua battaglia per la sopravvivenza – considerate le difficoltà delle aziende e, di conseguenza, del comparto pubblicitario -.

Lo Strillone News non ha mai percepito contributi pubblici, ma è sempre andato avanti unicamente contando sulle proprie forze e sulle capacità delle donne e degli uomini che ne fanno parte. Cosa che cercherà di continuare a fare, nonostante ora tutto sia quasi radicalmente mutato rispetto a prima. Offriremo ancora informazione di prima mano, verificata, gratuita, a portata di tutti. Senza trascurare segnalazioni per dar voce ai cittadini e curiosità. 

Chi vuole e può doni; chi non può, continui a leggere gratuitamente. 

Grazie comunque per il grande seguito che quotidianamente, qui e sui nostri canali social, ci tributate. 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter