Nuovo Codice della strada: disabili gratis nelle strisce blu, laddove non potè (o non volle) il Comune ci pensò il legislatore

Dove non potè (o non volle) il Comune, ci pensò la legge. Dal primo gennaio 2022, infatti, i disabili non dovranno più pagare per parcheggiare nelle strisce blu, a differenza di quanto avviene a Oria (più sensibili, sull’argomento, altri comuni) dal novembre 2019 e nonostante una petizione popolare – sottoscritta da oltre 600 cittadini – del tutto ignorata. In realtà, se si volesse, il provvedimento potrebbe ancora essere anticipato anche con un’ordinanza sindacale ma è difficile che ciò avvenga.

La petizione di cui sopra, che avrebbe dovuto essere formalmente discussa in Consiglio comunale, riguardava anche due altri aspetti di non poco conto: la sospensione del pagamento nei giorni festivi – sì, in quel di Oria è necessario sempre pagare il parcheggio anche alla domenica, così come a Natale, Capodanno e Pasqua – e l’esenzione per le donne incinte e con figli piccoli nei cosiddetti parcheggi “rosa”.

E anche di quest’ultimo argomento si è occupato il legislatore nel normale il nuovo Codice della strada, in vigore dal 10 novembre scorso. Difatti, si prevede un incremento degli stalli di cortesia per le gestanti e per i genitori con figli fino a due anni. Se si vuole, ovviamente, nei capitolati tra comuni e gestori, li si può pretendere gratis.

Al di là di questi aspetti specificamente locali, il nuovo Cds prevede altre interessanti novità, tra le quali:

  • un inasprimento della sanzione per coloro che occupino gli stalli riservati ai disabili: 672 euro e 6 punti in meno sulla patente (prima erano 168 euro e 2 punti in meno);
  • non solo sanzioni per chi usa il cellulare alla guida, ma anche per chi usi tablet, pc e altri device tecnologici;
  • sanzione per il conducente della moto anche se il passeggero non calza il casco;
  • Dal primo luglio 2022: indicatori di direzione e freni sui monopattini, con limiti di velocità di 6 km/h in area pedonale, 20 km/h negli altri casi; niente monopattini in circolazione o sosta sui marciapiedi; monopattini mai contromano;
  • il foglio rosa durerà un anno (non più sei mesi) e sarà possibile ripetere l’esame per la patente B per tre volte;
  • colonnine di ricarica per le auto elettriche da occuparsi soltanto per il massimo di un’ora, poi sanzione per divieto di sosta;
  • rinforzata la tutela dei pedoni sulle strisce pedonali, precedenza a chi le attraversa e a chi sta per attraversarle;
  • possibilità di videosorveglianza dei passaggi a livello per sanzionare chi non rispetta le indicazioni di chiusura;
  • ogni anno i Comuni sono tenuti a dichiarare la destinazione degli introiti delle sanzioni da Codice della strada.
Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter