Rubava tessere bancomat e poi prelevava: identificato e arrestato un uomo. Domiciliari

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Nelle prime ore di lunedì 21 febbraio, ad Avetrana (Taranto), i Carabinieri della Stazione di Erchie hanno dato esecuzione a un’ordinanza, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Brindisi su richiesta della Procura della Repubblica di Brindisi, di applicazione della misura cautelare personale degli arresti domiciliari nei confronti di un indagato.

L’uomo è ritenuto il presunto responsabile di 4 furti aggravati e di altrettanti indebiti utilizzi di carte di credito rubate. L’attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Brindisi e condotta dai militari della Stazione di Erchie, trae origine da una denuncia di furto presentata nel novembre del 2021, alla quale è seguito un indebito utilizzo di bancomat con un prelievo di euro 500 presso l’ufficio postale di Avetrana.

In quella circostanza, l’indagato, approfittando di un attimo di distrazione di una donna che si trovava all’interno del cimitero di Erchie, aveva sottratto il portafogli dalla sua borsa. Si è compreso fin da subito che l’episodio non era isolato, difatti diversi erano i furti nei cimiteri della zona ai danni di donne intente ad onorare i defunti. Attraverso un’attenta ricostruzione di tutti gli episodi avvenuti all’interno dei cimiteri di San Pancrazio Salentino, Erchie, Torre Santa Susanna e San Donaci, mettendo in sistema gli elementi raccolti con le immagini degli impianti di videosorveglianza delle zone interessate, è stata ricostruita l’identità dell’autore, in ordine a tre analoghi furti, seguiti da altrettanti prelevamenti bancomat fraudolenti.

Il 16 gennaio scorso, allo scopo di interrompere l’azione criminosa, lo stesso era tratto in arresto in flagranza di reato dai carabinieri di Erchie per un furto su auto in sosta nel parcheggio del cimitero, e successivamente sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di firma presso la Stazione Carabinieri di Avetrana. In quell’occasione l’intera refurtiva fu recuperata e riconsegnata alla vittima. Le vittime dei furti hanno un’età compresa tra  60 e 77 anni.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter