Nuova sede del “Fermi”, Fdi: noi favorevoli da sempre ma di sicurissimo non c’è ancora nulla, meno proclami e più aderenza alla realtà

Di seguito una nota da parte di Fratelli d’Italia Francavilla e Provincia di Brindisi:

La storia della nuova sede dell’ITST Fermi di Francavilla Fontana, tortuosa quanto complessa, merita di essere raccontata, anche alla luce degli ultimi sviluppi, con estrema correttezza, con la lucidità che solo i dati oggettivi possono restituire, soprattutto senza proclami che ingenerano solo illusioni.

Fratelli d’Italia in consiglio provinciale, con i consiglieri Massimiliano Oggiano e Luciano Cavaliere, ha votato favorevolmente l’acquisizione a titolo gratuito da parte della Provincia del suolo individuato e deliberato dal Comune di Francavilla Fontana.

Del resto anche in consiglio comunale la consigliera Anna Ferreri ebbe a votare favorevolmente la delibera di individuazione del suolo.

Di fondo c’è la convinzione di Fratelli d’Italia, espressa da tempo e mai modificata, della necessità di assicurare alla comunità un polo studentesco di avanguardia, competitivo, capace di creare virtuosi collegamenti tra istruzione, lavoro, territorio e cultura.

Va però precisato, come osservato dai consiglieri Oggiano e Cavaliere, che la reale edificazione della struttura è tutt’affatto che sicura. 

Lo stesso presidente della Provincia, intervenuto sul punto, ha riferito che arriveranno in pubblicazione dei bandi del PNRR ai quali la Provincia potrà partecipare con un progetto di edificazione, che sarà quindi sottoposto ad un vaglio e ad una graduatoria.

Potrebbero arrivare dei bandi, quindi oggi non ci sono. Inoltre si tratta di fondi da assegnare sulla base di domande e graduatorie. Variabili di non poco conto. 

Nessuna certezza fornita, soprattutto nessuna opzione alternativa qualora non dovessero essere pubblicati nuovi bandi o in ipotesi di non accoglimento del progetto da finanziare.

Da mettere inoltre in evidenza che la finestra temporale degli attuali fondi PNRR si chiude nel 2026, mentre la concessione approvata l’altro giorno in consiglio provinciale è di tre anni. Vi è pertanto un considerevole disallineamento negli impegni progettuali che potrebbe portare, non se lo augura nessuno, ad un nulla di fatto.

Meglio sarebbe stato allungare ad almeno 4 anni la durata della concessione, considerato che, a tutt’oggi, non vi sono bandi utili (quelli passati sono ormai sfuggiti), non sono stati candidati progetti, non vi sono fondi per la edificazione della scuola e per la famosa rimozione del traliccio Enel. Quest’ultimo intervento decisamente più oneroso rispetto a quanto sia stato considerato.

Il voto favorevole di Fratelli d’Italia non ha pertanto impedito ai nostri consiglieri di rilevare una serie di anomalie e la totale assenza di una prospettiva temporale, che è un prerequisito della vera programmazione.

Senza polemica, perché è una causa per la quale FdI si batte da sempre pur dalla opposizione, al consigliere delegato Mimmo Tardio suggeriremmo di tenere d’occhio i conti, più che lanciare conti alla rovescia.

Da Fratelli d’Italia Francavilla Fontana

Michele Iaia – Coordinatore cittadino

Anna Ferreri – Consigliera comunale

Dal Gruppo consiliare Fratelli d’Italia Provincia di Brindisi

Massimiliano Oggiano – Capogruppo

Luciano Cavaliere – Consigliere provinciale

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter